Revolution Slider ERRORE: Slider with alias not found.
Maybe you mean: 'home' or 'homepage' or 'torreslider'
Ricerca avanzata
Abbiamo trovato 0 risultati. Do you want to load the results now ?
Ricerca avanzata
Abbiamo trovato 0 risultati

Your search results

Bioedilizia : scopri perchè fra 3 anni il valore della tua casa in cemento calerà drammaticamente

Posted by csabattini on 20 febbraio 2017
| blog
| 0

La Bioedilizia è entrata a pieno titolo tra le modalità costruttive di punta del nostro Paese.

Tematiche quali sostenibilità, ridotto consumo energetico, qualità dei materiali, comfort e salubrità sono ormai requisiti fondamentali per chi decide di costruire la sua nuova casa.

Il legno è vincente perché con facilità e competenza riesce a rispondere a tutte le esigenze di una nuova generazione di proprietari, più consapevole e selettiva. Le nuove metodologie costruttive proposte da questo settore sono in grado di mettere al sicuro gli investimenti di chi acquista o costruisce casa, rispondendo già ora alle sfide del domani.

A partire dal 2018 tutti gli edifici pubblici dovranno essere costruiti ad emissione quasi zero. Due anni più tardi, nel 2020, l’obbligo si estenderà anche a tutti gli edifici privati.

Questo è quanto prevede ed impone la direttiva 2010/31 della Comunità Europea sulle prestazioni energetiche degli edifici.

Una rivoluzione che cambierà completamente volto al settore dell’edilizia in Europa e soprattutto in Italia, ancora oggi fanalino di coda nel risparmio energetico e nell’utilizzo delle fonti rinnovabili per la casa.

Attualmente nell’Unione Europea gli immobili assorbono il 40% dell’energia , una quota spaventosamente enorme. L’obiettivo della direttiva europea è quello di porre fine a questa situazione, imponendo agli edifici di attingere esclusivamente a fonti rinnovabili per il loro funzionamento quotidiano.

Il 2020 però non è una data lontana, persa in un futuro ancora indistinto. Mancano meno di tre anni alla svolta, meno di due per le strutture pubbliche.

Chi non si farà trovare pronto entro i termini previsti avrà non pochi problemi.

Si troverà a proporre edilizia fuori mercato. Strutture sorpassate dal progresso.

Case “vecchie” anche se recentissime.

In una casa prefabbricata in legno l’energia arriva dai pannelli fotovoltaici che convertono il calore del sole in energia elettrica. L’aria negli spazi interni è sempre pulita e salubre grazie agli impianti di ventilazione meccanica controllata che filtrano accuratamente polveri e particelle dannose.

Quelle orribili ed antiestetiche muffe presenti in molte case tradizionali sono un ricordo del passato grazie all’assenza di ponti termici e alle pareti ad elevato potere isolante, che mantengono gli ambienti sempre caldi durante l’inverno e rigorosamente freschi nei mesi estivi , evitando fastidiosi sbalzi di temperatura che contribuiscono in maniera importante al consumo di energia

Chi opta per una casa sostenibile sceglie di entrare oggi nell’abitare di domani.

E lo fa passando dalla porta principale.